Impianti dentali e Protesi fissa

Come influisce il cibo sui nostri denti?
12 Settembre 2019
Trauma Dentale nei Bambini
23 Ottobre 2019

Impianti dentali e Protesi fissa

Cosa sono gli impianti dentali?

Quando i denti mancano in seguito a perdita naturale o estrazioni, lo spazio libero può essere sostituito da uno o più impianti dentali, ovvero una vite artificiale in titanio, inserita all’interno dell’osso come se fosse la radice di un dente vero e sulla quale verrà costruito un dente artificiale.

Gli impianti sono costituiti da una vite cilindrica in Titanio, un materiale biocompatibile molto resistente e tra i più utilizzati perché permette una migliore osteointegrazione, ovvero l’adesione tra osso e impianto artificiale.

Sopra la vite dell’impianto viene inserita una componente transmucosa che attraversa la gengiva e servirà come supporto per gli elementi dentali da sostituire.

Cosa significa Implantologia a carico immediato?

E’ una tecnica che prevede il posizionamento chirurgico degli impianti sui quali viene poi avvitata una protesi provvisoria entro 24/48 ore dall’intervento. La differenza con la procedura classica sta proprio nei tempi ridotti di attesa tra l’inserimento degli impianti ed il posizionamento della protesi che normalmente è di 3/4 mesi.

Se le condizioni dell’osso in cui vengono inseriti gli impianti sono favorevoli, allora si può procedere con il carico immediato, altrimenti possono insorgere problemi di guarigione attorno gli impianti sino alla perdita degli stessi.

Il principale vantaggio del carico immediato degli impianti è la possibilità di sostituire in tempi brevissimi denti persi o mancanti per traumi o per patologie con protesi estetiche e soprattutto fisse, abbandonando tecniche tradizionali come i ponti che interesserebbero denti adiacenti ai denti da sostituire.

Possono fare tutti questo tipo di intervento?

Prima di procedere con l’intervento è necessario valutare la quantità e la qualità dell’osso indispensabile per dare il corretto sostegno all’impianto e questo è possibile grazie all’utilizzo di moderne tecnologie come la Tac 3D Cone Beam.

Quando l’osso risulta scarso o di bassa qualità si interviene con tecniche chirurgiche sofisticate come il grande rialzo del seno mascellare o con l’inserimento di osso artificiale biocompatibile.

L’intervento è indolore e viene eseguito in anestesia locale.


Pulizia e manutenzione della protesi dentale

Come per i denti naturali anche le protesi dentali devono essere pulite sia quotidianamente dal paziente che professionalmente da un dentista.

La pulizia domiciliare deve essere eseguita con semplici strumenti come spazzolino, filo interdentale e scovolino, in modo da eliminare la placca superficiale, invece per una igiene delle aree più profonde e per una puntuale manutenzione della protesi è essenziale rivolgersi ogni 4/6 mesi al proprio dentista di fiducia per una igiene professionale direttamente alla poltrona.

TECNICA ALL-ON-FOUR A CARICO IMMEDIATO

L’implantologia all on four a carico immediato è una tecnica innovativa che permette di avere in 24 ore i denti fissi su 4 impianti. Nel paziente con l’intera arcata sprovvista di denti, gli impianti vengono inseriti dal chirurgo in anestesia locale e subito dopo viene presa un’impronta sulla quale si andrà a costruire la protesi avvitata provvisoria e successivamente una definitiva.

Non è sempre possibile avere questo tipo di intervento; ci sono delle condizioni indispensabili come osso sufficiente e un buon supporto gengivale.

Possono fallire gli impianti?

Per quanto riguarda la buona riuscita di un intervento implantologico, sono riportati in letteratura tassi di fallimento variabili.

Il fallimento precoce è di solito legato ad una scarsa adesione tra osso ed impianto dovuto ad una carenza del processo di osteointegrazione.

I fallimenti tardivi sono di solito dovuti a processi infettivi dei tessuti attorno gli impianti per cui si scatena un processo infiammatorio che porta ad una perdita del tessuto osseo di sostegno.

In riferimento ai fallimenti tardivi diviene però necessario e fondamentale la pulizia in poltrona dal dentista ogni 4 o 6 mesi per poter garantire al paziente il corretto controllo dei livelli di placca sulla superficie implantare.

L’uso di alcuni farmaci, patologie come l’osteoporosi, la radioterapia ed il fumo sono tutti fattori predisponenti per i fallimenti implantari.

In caso di fallimento si andrà a valutare la possibilità di sostituire l’impianto perduto.

Comments are closed.

Open chat